domenica 2 giugno 2013

SPERANZE



Prigioniera del mio impavido vagare
ignoro la vita che mi soffia dentro
alzo pareti vuote attorno a me
e nel lacerante silenzio
attendo il mio ritorno.



6 commenti:

  1. Momosamente me in questo momento :3 bel post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Almeno mi sento meno sola. ;-) ♥

      Elimina
  2. Siamo all'unisono, tesoro mio adorato...

    RispondiElimina
  3. ...cara Stefania, a volte ignorare tutto, anche soffrendo, e saper attendere se stessi, è una virtù che ripaga sempre...bella metafora per un'attesa...abbraccio...

    RispondiElimina
  4. diventi sempre più brava cara Stefania! I nostri muri, chissà se esiste qualcuno in grado di abbatterli?

    RispondiElimina
  5. E' una donna che si rende perfettamente conto di avere creato una situazione strana in cui si trova prigioniera, non sa come uscirne eppure spera che avvenga qualcosa di straordinario che la liberi e la faccia ritornare nella sua vita a cui in fondo anela.

    RispondiElimina