martedì 1 gennaio 2013

LE FAVOLE


Immensi spazi di tristezza
coltivano i miei pensieri.
La nuova alba muore ormai
tra spenti bagliori
e frammenti di sogni.

Non ci credo più alle favole.

Il nuovo sole è solo luce ormai
e la notte s’appresta ad alzarsi
tingendo di buio e di stelle
pagine sbiadite di amore e dolore
…non sono più le favole.




7 commenti:

  1. E' molto triste Stefania cara , non credere più nelle favole.
    Ma questo fanciullino che alberga sempre in me, spesso è più forte di tutto e allora spero solo di poter continuare a sognare e a sperare nonostante tutto.
    Tutto il bene del mondo , per te mia cara amica!

    RispondiElimina
  2. ...bella poesia...e brava Flavia, le favole servono per quando si è felici, quando si è tristi è necessario lottare...abbraccio..

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Mariella Mulas2 gennaio 2013 15:55

    La tristezza dilaga nel rinnegare favole e quindi sogni... la realtà, unico parametro di misura di un mondo fuori misura nel cuore!!!! Come sempre carissima Stefania le tue poesie ,pur nella malinconia trasmessa, emozionano di bellezza interiore! Baci Poetessa!

    RispondiElimina
  5. I sogni somigliano alle favole, li teniamo stretti quando dimentichiamo di essere anche un po' bambini.
    Un sorriso
    Tiziana

    RispondiElimina
  6. il mondo è una favola in continua evoluzione!!!! questa mi piace! sei molto più brava di me, non c'è che dire!!!

    RispondiElimina